Certificazioni

STANDARD EUROPEO UNI EN 149:2001+A1:2009  MASCHERINE FACCIALI

Tutti i respiratori per polveri senza manutenzione che vengono immessi sul mercato europeo devono essere approvati secondo i requisiti della Direttiva Europea relativa ai Dispositivi di Protezione Individuale REG. EC / 425 / 2016.
EN 149:2001 e approvazione secondo la Direttiva DPI.
La rispondenza di un qualunque tipo di dispositivo ai requisiti della direttiva DPI è in parte evidenziata testando i requisiti di prestazione del dispositivo stesso secondo uno Standard Europeo pertinente (se applicabile).
La normativa EN 149:2001 “Apparecchi di protezione delle vie respiratorie – Semimaschera filtrante contro particelle – Requisiti, prove, marcatura” era lo Standard Europeo che definiva i requisiti di prestazione per i respiratori antipolvere senza manutenzione.
La EN 149:2001 è stata sostituita da Luglio 2009 dalla versione aggiornata EN 149:2001+A1:2009 (EN 149+A1). Entro 12 mesi dalla pubblicazione della EN 149+A1, tutti i respiratori commercializzati dovranno essere testati secondo i requisiti dello standard aggiornato e quindi ri-approvati secondo la direttiva Europea sui DPI.
La EN149+A1 ha introdotto due nuove classificazioni in relazione all’utilizzo del prodotto.
Modifiche introdotte dalla EN 149:2001+A1:2009.
Questa nuova classificazione comporta modifiche e nuovi requisiti prestazionali. I test introdotti hanno in parte lo scopo di dare all’utilizzatore ulteriore fiducia sull’efficacia dei respiratori, assicurando una protezione delle vie respiratorie continuata anche in ambienti particolarmente impegnativi. Inoltre, per i respiratori classificati secondo le nuove regole come “riutilizzabili”, di poter ripetere la pulizia, la conservazione e il riutilizzo tra i turni. Le maggiori novità introdotte sono riportate di seguito:
1. Dispositivi monouso (classificazione e marcatura del prodotto “NR”).
• Condizionamento climatico a condizioni alterate prima della prova.
• Nuovo test di efficienza – un prolungamento a lungo termine del precedente test di penetrazione.
• Test opzionale relativo ai requisiti di intasamento (classificazione e marcatura del prodotto “D”).
• Esempio di marcatura: EN 149:2001+A1:2009 FFP2 NR D
2. Dispositivi riutilizzabili (classificazione e marcatura del prodotto “R”)
• Condizionamento climatico a condizioni alterate prima della prova.
• Nuovi test di pulizia e igienizzazione del prodotto prima dei test di penetrazione.
• Nuovo test di efficienza – un prolungamento a lungo termine del precedente test di penetrazione.
• Nuovo test di conservazione di 24 ore post-esposizione.
• Nuovo test di penetrazione da ripetere dopo la conservazione.
• Test obbligatorio relativo ai requisiti di intasamento (classificazione e marcatura del prodotto “D”).
• Esempio di marcatura: EN 149:2001+A1:2009 FFP3 R D
La marcatura sul prodotto deve rimanere EN149:2001, ma dovrà obbligatoriamente contenere le
informazioni se il prodotto è monouso (NR) o riutilizzabile (R).


SIGNIFICATO DELLE CLASSI DI PROTEZIONE FFP
Gli aerosol e le particelle di polveri sottili sono fra i rischi per la salute più subdoli nell’ambiente di lavoro, poiché questi sono pressoché invisibili nell’aria respirabile. Le semimaschere filtranti contro particelle offrono protezione da questi pericoli. Queste si suddividono in tre classi di protezione: FFP1, FFP2 e FFP3.
Importanza della protezione respiratoria
Alcune particelle invisibili possono essere cancerogene o radioattive, altre possono danneggiare l’apparato respiratorio anche nell’arco di decenni e causando lo sviluppo a lungo termine di gravi patologie. Nel migliore dei casi, i lavoratori devono lottare solo contro odori sgradevoli. Le maschere respiratorie, suddivise in tre classi, proteggono da aerosol, fumo e polveri fini acquose e oleose durante il lavoro; la loro funzione protettiva è normata a livello europeo secondo la normativa precedentemente citata EN 149. Queste sono denominate “semimaschere filtranti contro particelle o maschere per polveri sottili” e vengono suddivise nelle classi di protezione:
FFP1
FFP2
FFP3

 

Come funziona una maschera filtrante?
Le maschere filtranti proteggono da polveri, fumi e nebbie di liquidi (aerosol) inalabili, ma non da vapore e gas. Il sistema di classificazione si suddivide in tre classi FFP, dove la sigla FFP sta per “Filtering Face Piece”, ovvero maschera filtrante. Una maschera filtrante copre naso e bocca e si compone di diversi materiali filtranti e della maschera stessa. Queste sono prescritte nei luoghi di lavoro nei quali viene superato il valore limite di esposizione occupazionale (OEL). Questo indica la concentrazione massima ammessa di polveri, fumo e aerosol nell’aria respirabile, che non causa danni alla salute. Quando questo valore viene superato, l’uso di maschere filtranti diventa obbligatorio.
Da cosa ci proteggono le maschere filtranti?
Le classi di protezione FFP1, FFP2 e FFP3 offrono, in funzione della perdita totale e del filtraggio di particelle con dimensioni fino a 0,6 μm, una protezione respiratoria per diverse concentrazioni di sostanze nocive. La perdita totale è dovuta a penetrazione del filtro e difetti di tenuta su viso e naso, che le maschere filtranti uvex evitano al massimo grazie all’orientamento all’anatomia dell’uomo. Grazie all’innovativa tecnologia filtrante, anche la resistenza respiratoria resta bassa e la respirazione non è ostacolata dalle particelle catturate nel filtro, nemmeno in caso di ripetuto utilizzo della maschera filtrante.

 

FFP1

⦁ Protezione da polveri atossiche e non fibrogene
⦁ L’inalazione non causa lo sviluppo di malattie, tuttavia può irritare le vie respiratorie e rappresentare un inquinamento da cattivi odori
⦁ La perdita totale può essere al massimo del 25%
⦁ Il superamento del valore limite di esposizione professionale può essere al massimo di 4 volte superiore
Le maschere respiratorie della classe di protezione FFP1 sono adatte per ambienti di lavoro nei quali non si prevedono polveri e aerosol tossici o fibrogeni. Queste filtrano almeno l’80% delle particelle che si trovano nell’aria fino a dimensioni di 0,6 μm e possono essere utilizzate quando il valore limite di esposizione occupazionale non viene superato di oltre 4 volte. Nel settore edile o nell’industria alimentare, le maschere respiratorie della classe FFP1 sono quasi sempre sufficienti.
Tipo K : Filtro di colore verde, per protezione da ammoniaca e i suoi dervati organici.
     

 

FFP2


⦁ Protezione da polveri, fumo e aerosol solidi e liquidi dannosi per la salute
⦁ Le particelle possono essere fibrogene, vale a dire che a breve termine causano l’irritazione delle vie respiratorie e a lungo termine comportano una riduzione dell’elasticità del tessuto polmonare
⦁ La perdita totale può essere al massimo del 11%
⦁ Il superamento del valore limite di esposizione professionale può essere al massimo di 10 volte superiore
Le maschere respiratorie della classe di protezione FFP2 sono adatte per ambienti di lavoro nei quali l’aria respirabile contiene sostanze dannose per la salute e in grado di causare alterazioni genetiche. Queste devono catturare almeno il 94% delle particelle che si trovano nell’aria fino a dimensioni di 0,6 μm e possono essere utilizzate quando il valore limite di esposizione occupazionale raggiunge al massimo una concentrazione 10 volte superiore. Le maschere respiratorie della classe di protezione FFP2 vengono utilizzate ad esempio nell’industria metallurgica o nell’industria mineraria. Qui i lavoratori vengono a contatto con aerosol, nebbie e fumi, che a lungo termine causano lo sviluppo di malattie respiratorie come il cancro ai polmoni e che aumentano in modo massiccio il rischio di patologie secondarie come una tubercolosi polmonare attiva. Inoltre, le nostre maschere proteggono dall’inquinamento da odori sul luogo di lavoro grazie all’innovativo sistema filtrante uvex con strato di carbone attivo.      

FFP3

⦁ Protezione da polveri, fumo e aerosol solidi e liquidi tossici e dannosi per la salute
⦁ Questa classe di protezione filtra le sostanze nocive cancerogene e radioattive e i microrganismi patogeni come virus, batteri e funghi
⦁ La perdita totale può essere al massimo del 5%
⦁ Il superamento del valore limite di esposizione professionale può essere al massimo di 30 volte superiore
Le maschere respiratorie della classe di protezione FFP3 offrono la massima protezione possibile dall’inquinamento dell’aria respirabile. Con una perdita totale del 5% max. e una protezione necessaria pari almeno al 99% dalle particelle con dimensioni fino a 0,6 μm, sono inoltre in grado di filtrare particelle tossiche, cancerogene e radioattive. Queste maschere respiratorie possono essere utilizzate in ambienti di lavoro nei quali il valore limite di esposizione occupazionale viene superato fino a 30 volte il valore specifico del settore. Queste sono utilizzate ad esempio nell’industria chimica.
   

 

 

 

How does a filter mask work?
Filter masks protect against dust, fumes and mists of inhalable liquids (aerosols), but not against vapour and gas. The classification system is divided into three FFP classes, where FFP stands for "Filtering Face Piece". A filter mask covers the nose and mouth and consists of several filter materials and the mask itself. These are prescribed in workplaces where the occupational exposure limit value (OEL) is exceeded. This indicates the maximum permissible concentration of dust, smoke and aerosols in the breathable air, which does not cause damage to health. When this value is exceeded, the use of filter masks becomes mandatory.
What are the filter masks protecting us from?
The protection classes FFP1, FFP2 and FFP3 offer, depending on the total loss and filtration of particles up to 0.6 μm in size, respiratory protection for different concentrations of harmful substances. The total loss is due to filter penetration and leakage defects on the face and nose, which uvex filter masks avoid as much as possible due to their orientation to the human anatomy. Thanks to the innovative filter technology, breathing resistance also remains low and breathing is not hindered by particles captured in the filter, even when the filter mask is used repeatedly.

 

 

© 2022 All rights reserved ICC 2019. All trademarks are registered © ®. Designed By Oxygen Web Studio.